Semi di Moringa: un antico metodo per depurare l’acqua

semi-di-moringa

Con la Moringa si può fare veramente di tutto, essendo ogni sua parte perfettamente commestibile. Ma è dai semi di moringa che si è riscoperta una delle sue più antiche proprietà: quella di depurare l’acqua.

Si scopre sempre qualcosa di nuovo sulla Moringa. Oltre a essere un’importante fonte di nutrimenti (proteine, sali minerali, vitamine, potassio ecc.), è anche in grado di ridurre la quantità di batteri presenti nell’acqua non potabile.

Proprietà non da poco: milioni di persone nel mondo non hanno nessun tipo di accesso all’acqua potabile, e la Moringa Oleifera (facile da coltivare nei terreni più diversi) sembrerebbe essere la soluzione ideale.

Secondo una recente ricerca della Pennsylvania State University, i semi di Moringa macinati e inseriti all’interno di acqua torbida ridurrebbero drasticamente la quantità di batteri presenti all’interno. Ma come?

Come funzionano i semi di Moringa 

La ricerca ha dimostrato che all’interno dei semi della pianta c’è una particolare proteina capace di attirare a sé le particelle di sporcizia e a farle depositare sul fondo. Questa proteina cationica (cioè carica positivamente), attira i “corpi estranei” all’interno dell’acqua, ne rompe la protezione e li riunisce sotto a un’unica membrana, facendoli cadere sul fondo (proprietà flocculante).

Pensate che questo particolare utilizzo dei semi di Moringa era già in uso nell’Antico Egitto per depurare le acqua estratte dal Nilo.

Non è incredibile quante piccole ma grandi cose riesca a fare questa pianta? Ecco perché anche la FAO la sta promuovendo in parti diverse del mondo, dove l’accesso all’acqua potabile e agli alimenti altamente nutrienti non è poi così semplice e immediata.

Ora che sai di più sulle proprietà di questa incredibile pianta non ti resta che provarla! Presto nel nostro shop potrai trovare diversi prodotti a base di Moringa, e nutrire il tuo organismo con gusto e genuinità.

E se vuoi scoprire qualcosa di più sulla Moringa Oleifera, leggi questo articolo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *